INCONTRI DEL MASTER

       
 

Paolo Gentiloni, ministro delle Comunicazioni

L'informazione? Non è solo dei giornalisti

 

Una professione che sta cambiando e che continuerà sicuramente a modificarsi, anche nei prossimi anni. Questo il messaggio centrale della tavola rotonda dedicata al mondo del giornalismo e organizzata dall’Ucsi (Unione cattolica stampa italiana della Lombardia), in collaborazione con l’Università Statale e tutti i master in giornalismo di Milano.

 

“Cambiare significa anche rendersi conto che, nei prossimi anni, il giornalista non sarà più l’unico produttore di informazioni” – ha detto il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni, intervenuto a chiusura dell'incontro. “Al tempo stesso – ha aggiunto il ministro – i giornalisti devono perdere la nostalgia dell’esclusiva, sapendo che la loro qualità professionale è destinata a crescere”.

 

E tra le sfide principali, internet e il digitale, ma non solo. “Per realizzare un prodotto di qualità – ha detto Cipriana Dell’Orto, condirettore di “Donna Moderna” – è necessario che il giornalismo sia un grande lavoro di squadra, capace di coinvolgere tutte le componenti del giornale, dal marketing alla pubblicità”. Non dimenticando, però, il contenuto.

Silvia Seminati

 

In via Festa del Perdono, l'8 novembre 2006. Fotografia di Sandro Rizzi